Occlusione venosa ed edema maculare. (Testimonianza)

Share Button
OCT in edema maculare da occlusione della vena retinica temporale Foto di FondazioneMacula
OCT in edema maculare da occlusione della vena retinica temporale. (Fonte: Fondazione Macula Onlus)

Valeria Ferriani in Gorini. Bologna

Mi chiamo Valeria Ferriani, ho 66 anni.

Sono arrivata dalla Dott.ssa Vannucci dopo tre anni di trattamenti tradizionali, ignoravo l’esistenza del  metodo Boel, peccato non averlo conosciuto prima!

Dopo due occlusioni venose all’occhio destro e una all’occhio sinistro mi sono sottoposta a diverse iniezioni intravitreali e laser terapia, l’occhio sinistro si è ripreso bene, con il destro invece non ho raggiunto grandi risultati, il recupero visivo è stato molto limitato. I trattamenti della Dott.ssa Vannucci mi hanno fatto riprendere in breve tempo tre decimi all’occhio destro.

Vorrei condividere e documentare il mio percorso, spero di scrivere correttamente tutti i termini medici.

  • Settembre 2017 – occlusione venosa branca temporale superiore occhio destro, con conseguente edema maculare, emorragie ed essudati.
  • Gennaio 2018 prima iniezione intravitreale di Ozurdex, edema risolto, ma ancora emorragie ed essudati, visione occhio destro 1/10.
  • Dicembre 2018 nuova occlusione di branca supero temporale nell’occhio destro e purtroppo anche occlusione collettore venoso supero temporale nell’occhio sinistro, edema maculare cistoide in entrambi gli occhi.
  • Maggio 2019dopo iniezioni intravitreali di Ozurdex in entrambi gli occhi riduzione dell’edema maculare, vedo benino dall’occhio sinistro, permangono nell’occhio destro emorragie ed essudati, vedo malissimo dall’occhio destro: tutto più piccolo distorto e a macchie. Visione occhio destro 2/10, occhio sinistro 8/10.
  • Novembre 2019 nuova iniezione di Ozurdex occhio destro.
  • Febbraio 2020edema riassorbito permangono vaste aree d’ischemia retinica, consigliata seduta laser che eseguo. Visione occhio destro 3/10.

A questo punto un’amica mi dice di avere letto in internet del metodo Boel di agopuntura oculistica, purtroppo siamo in piena quarantena, attendo la fine della quarantena e contatto la Dott.ssa Vannucci.

Eseguo l’ecocolordoppler che conferma che le vene e le arterie oftalmiche sono pervie (aperte); il mio è un problema d’ischemia retinica.

Al primo appuntamento la Dott.ssa Vannucci mi propone una seduta di prova e al termine della prima seduta ho già recuperato un decimo all’occhio destro!

Proseguo con le sedute e alla successiva visita di controllo in ospedale: visione occhio sinistro 10/10 occhio destro 7/10! Permangono delle aree ischemiche, vedo ancora a macchie con l’occhio destro, ma il miglioramento è stato sorprendente!

Ignoravo l’esistenza del metodo Boel, avrei voluto conoscerlo prima!

Bologna 9 gennaio 2021

valeria.gorini@libero.it

Nota della Dott.ssa Vannucci:

La terapia con agopuntura ha permesso di ridurre le zone retiniche con edema, riattivando il flusso sanguigno rallentato e i neuroni danneggiati.

Potrebbe interessarti anche