Glaucoma: nuovi modelli di ricerca rigenerativi

Share Button

Cellula gangliare retinica
Cellula gangliare retinica

Un progetto di medicina rigenerativa finanziato dal National Eye Institute di Washington sostiene una ricerca tesa a prevenire la perdita della vista causata dal glaucoma.

Il laboratorio di Tom Reh , professore di biologia strutturale presso la UW School of Medicine, in collaborazione con scienziati di altre istituzioni  studierà un possibile approccio  per correggere la degenerazione del nervo ottico, basato sulla sostituzione cellulare.

Il team multi-istituzionale è uno dei cinque selezionati per ottenere i finanziamenti annunciati  oggi e destinati a sviluppare modelli di laboratorio per lo studio di una serie di patologie oculari che portano alla cecità. Oltre al glaucoma, queste malattie  includono la retinite pigmentosa,  la degenerazione maculare senile, la perdita di fotorecettori dei colori, trauma del nervo ottico e altri danni o progressivo deterioramento dell’occhio. Questo programma assegnerà un importo totale di $ 30 milioni in cinque anni a favore dell’ Audacious Goals Intitative for Regenerative Medicine (NEI AGI).

Secondo l’annuncio di finanziamento di oggi, i nuovi modelli di laboratorio consentiranno agli scienziati di testare approcci innovativi e rigenerativi e di contribuire alla transizione dei potenziali trattamenti alle sperimentazioni cliniche. Tra le possibilità che si stanno esplorando vi sono le terapie geniche e cellulari.

” I modelli capaci di rappresentare i vari aspetti della malattia umana sono essenziali per predire il successo di nuove terapie nell’uomo”, ha dichiarato il direttore del NEI Paul A. Sieging, nel NEI Oct.12 news release. “Questi audaci progetti saranno fondamentali per tradurre gli ultimi progressi scientifici in nuovi trattamenti per la perdita della vista e la cecità.”

Il progetto a cui sta collaborando Il laboratorio di Tom Reh svilupperà un sistema-modello per studiare come usare la terapia cellulare contro le minacce causate dal glaucoma al nervo ottico e alla vista.

Il nervo ottico conduce i segnali visivi dall’area sensibile alla luce del bulbo oculare al cervello. Le fibre nervose delle cellule chiamate cellule gangliari della retina, costituiscono il nervo ottico.

I ricercatori cercheranno di di inserire nell’occhio nuove cellule gangliari retiniche, e direzioneranno le fibre nervose di queste nuove cellule alle regioni appropriate del cervello. Se fosse coronato da successo,  affermano i ricercatori, questo approccio permetterebbe di superare  uno dei principali ostacoli nello sviluppo di trattamenti per la perdita della vista da glaucoma e altri danni al nervo ottico.

I principali ricercatori su questo progetto, insieme a Tom Reh di UW Medicine, sono Jeffery L. Goldberg alla Stanford University in California, David J. Calkins alla Vanderbilt University nel Tennessee e Donald J. Zack alla Johns Hopkins University nel Maryland.

Tom Reh è membro del UW Medicine Institute for Stem Cell and Regenerative Medicine, che ricerca nuove terapie  basate su cellule staminali per una serie di malattie gravi.

Traduzione: Daniela Conti 

Fonte: https://newsroom.uw.edu/news/new-research-models-may-lead-vision-loss-treatment
 Fonte: https://nei.nih.gov/audacious-goals-initiative/aboutAGI https://nei.nih.gov/agmeeting/faqs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

verifica *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.