I farmaci e l’agopuntura hanno lo stesso scopo.

medicina occidentale e agopuntura

In Italia l’esercizio dell’Agopuntura, come l’Omeopatia e la Fitoterapia, sono atto medico e possono essere praticate solamente da un Medico laureato in Medicina e Chirurgia o Odontoiatria e in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione medica, conseguita tramite esame di Stato.

Poiche’ l’agopuntura in Italia puo’ essere effettuata esclusivamente dai medici, e’ una spesa medica e quindi detraibile fiscalmente al 19%.

Farmaci e agopuntura

Farmaci e agopuntura hanno lo stesso scopo, ma  è l’approccio alla malattia che è completamente  differente. L’approccio farmacologico prevede che un farmaco curi una determinata malattia in ogni caso.  Agopuntura e omeopatia sono medicine molto personalizzate e individuali, con una visione olistica del paziente.   Il risultato ottenuto con i rispettivi trattamenti è differente. 

  • I farmaci nella maggior parte dei casi agiscono per inibire la trasmissione del dolore (antidolorifici) o per sopprimere microrganismi o cellule dannose (antibiotici). Spesso il dolore è solo un sintomo e non la causa.
  • L’agopuntura agisce riparando i danni e rafforzando o ottimizzando le difese del corpo. All’agopuntura si possono associare dei farmaci e dei rimedi (omeopatici o fitoterapici) che potranno potenziare l’efficacia delle sedute. 

La spia rossa

Possiamo usare una metafora: ipotizziamo una macchina in cui l’accensione della spia della benzina è dovuta alla mancanza di carburante. L’agopuntura cercherà di procurare il carburante per il motore, la terapia farmacologica cercherà di interrompere il contatto elettrico per spegnere la spia rossa.  

Facciamo alcuni esempi

Per esempio, nelle patologie osteoarticolari l’agopuntura ha la funzione di lubrificare le articolazioni e fornire nutrienti alla cartilagine in modo da facilitare la ristrutturazione del danno;  le terapie farmacologiche usate per l’artrite e l’artrosi agiscono inibendo la produzione di sostanze che inviano segnali di dolore attraverso i nervi (antidolorifici e anti infiammatori).

Ma questo non significa affatto che i farmaci chimici siano sempre un male e l’agopuntura sia sempre un bene.

Per esempio con un caso di polmonite, l’agopuntura potrà solo cercare di migliorare la risposta del sistema immunitario e poche altre cose minori, raramente sufficienti per curare la polmonite. Le infezioni batteriche, come ad esempio  le sinusiti acute o le broncopolmoniti  richiedono una terapia antibiotica per eliminare i batteri o virus responsabili della malattia, in modo che il paziente guarisca.

Quando scegliere l’agopuntura e quando scegliere la terapia farmacologica?

Se la causa è un ‘infezione batterica o virale, cioè qualcosa che va inibito, o eliminato, il trattamento chimico farmacologico è quasi sempre migliore. Bisogna chiedere al proprio medico se la propria condizione può essere curata efficacemente con i farmaci. Se la risposta è sì, si può sempre e solo assumere farmaci. Se la risposta è o “no” oppure che ci vorrà “molto tempo”, è opportuno avvicinarsi alla agopuntura. Nei casi in cui si assumono farmaci inibitori per una condizione cronica la cui causa non può essere eliminata, si finisce per dover prendere i farmaci per mesi, anni o addirittura per tutta la vita. Costantemente. Purtroppo questo succede molto spesso, con la conseguenza che, a lungo termine, si subiranno gli effetti collaterali da farmaci, che, vogliamo ricordarlo, sono la terza causa di morte nel mondo occidentale. La sinergia tra farmaci e agopuntura è vincente:  consente di poter utilizzare i farmaci con un dosaggio molto basso, minimizzando gli effetti negativi sull’organismo (disturbi allo stomaco, ritenzione urinaria, alterazione della coagulazione).

Ogni punto di agopuntura, quando stimolato, produce uno specifico effetto terapeutico grazie alla produzione di endorfine, e attiva  una corrispondente area a livello del sistema nervoso centrale.

E’ stato dimostrato di recente che l’inserzione dell’ago induce il ripristino delle connessioni cerebrali.  L’agopuntura, andando a stimolare zone più ricche di vasi e nervi rispetto alle aree vicine, comporta il rilascio di sostanze endogene, rilassa i muscoli, ha un effetto antinfiammatorio locale, riattiva la circolazione, e la conduzione elettrica nervosa.

L’agopuntura è dolorosa?

NO.
L’agopuntura non è dolorosa. Sono utilizzati degli aghi molto sottili. Durante l’infissione dell’ago, si può percepire una sensazione di scossa elettrica.

L’agopuntura non è un’alternativa alle terapie tradizionali, ma si integra positivamente con esse .

Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram
Seguici

Ricevi le novità