L’agopuntura allevia gli effetti collaterali della chemioterapia.

Share Button

Studio clinico realizzato su 60 pazienti affetti da cancro del rene sottoposti a chemioterapia presso il Chongqing Cancer Hospital (Southwest China). 

acupunctur

I ricercatori del Chongqing Tumor Institute (Dipartimento di oncologia della medicina tradizionale cinese) hanno condotto uno studio clinico su pazienti affetti da cancro del rene sottoposti a chemioterapia. L’agopuntura ha ridotto significativamente la gravità della sindrome mano-piede, noto effetto collaterale della chemioterapia, caratterizzato da arrossamento, gonfiore, formicolio, intorpidimento, prurito e dolore dei palmi delle mani e delle piante dei piedi.

L’agopuntura ha raggiunto un tasso effettivo totale del 70% con un tasso di guarigione completo del 16,67% e un tasso significativamente efficace del 53,33% per i pazienti con cancro del retto sottoposti a chemioterapia utilizzando capecitabina come parte del regime di trattamento. [1]

Sono stati reclutati per lo studio 60 pazienti con cancro del retto e 30 di loro sono stati destinati in modo casuale a ricevere il trattamento di agopuntura (n = 30) o vitamina B6 (n = 30).

Il gruppo di agopuntura era composto da 13 pazienti maschi e 17 femmine, di età compresa tra 45 e 80 anni (età media 62,29), con una durata della malattia di 9-20 mesi (durata media 16,4 mesi). Il gruppo vitamina B6 era composto da 16 pazienti maschi e 14 femmine, di età compresa tra 51 e 73 anni (età media 61,25), con una durata della malattia di 10-19 mesi (durata media di 15,8 mesi). La gravità dei sintomi dei partecipanti è stata valutata utilizzando due scale, i criteri di tossicità comune del National Cancer Institute of Canada (CTC) e la Karnofsky Performance Scale (KPS). Il CTC classifica i sintomi usando una scala da 1 a 4, con punteggi più alti che indicano un aumento della gravità. Il KPS è su una scala da 0 a 100, i cui punteggi più alti indicano una maggiore capacità di svolgere attività quotidiane e punteggi più bassi indicano un aumento dei livelli di disabilità.

Per l’inclusione nello studio, i partecipanti dovevano avere un punteggio CTC> 1 e un punteggio KPS di ≥60. Ulteriori criteri hanno limitato i partecipanti di età compresa tra 18 e 80 anni, con un periodo di sopravvivenza previsto di almeno tre mesi. Per tutti i partecipanti sono stati richiesti il ​​consenso informato e l’approvazione etica. I criteri di esclusione includevano gravidanza, allattamento, cuore grave, fegato, reni o disfunzioni cerebrali, disturbi psichiatrici, incapacità di cooperare con i requisiti dello studio e rifiuto del trattamento con agopuntura.

agopuntura Valeria Vannucci

Agopuntura


Secondo i principi della TCM (medicina tradizionale cinese), la sindrome mano-piede è un tipo di sindrome bi che coinvolge l’ostruzione del qi e della circolazione sanguigna, carenza di qi e sangue, o umidità che porta a un blocco dello yang qi che di conseguenza non è in grado di nutrire la pelle e i muscoli, causando così i sintomi di intorpidimento e dolore. Storicamente, il termine “bi” si riferiva alla patogenesi, o ai sintomi e al nome della malattia”. [2] I principi di trattamento consistevano nel tonificare il qi, promuovere la circolazione sanguigna, promuovere il qi yang e riattivare il ristagno. I pazienti assegnati al gruppo di agopuntura hanno ricevuto un trattamento ai seguenti punti terapeutici:

  • Baihui (GV20)
  • Hegu (LI4)
  • Waiguan (TB5)
  • Zusanli (ST36)
  • Ashi indica

Per i pazienti costituzionalmente deboli, sono stati aggiunti i seguenti punti terapeutici supplementari:

  • Taixi (KD3)
  • Sanyinjiao (SP6)
  • Yanglingquan (GB34)

Il trattamento è stato somministrato a pazienti in posizione supina. Dopo la disinfezione standard, sono stati inseriti aghi filiformi da 0,35 × 40 mm in ciascun punto terapeutico. Baihui fu aggrottato obliquamente verso l’occipite per suscitare una sensazione di distorsione nell’area locale. Hegu e Waiguan sono stati puntati obliquamente verso il palmo, a una profondità di 0,2-0,3 cun. Le sensazioni dell’ago sono state trasmesse verso i palmi.

Zusanli è stato agugliato perpendicolarmente usando un metodo di riduzione dell’armatura. L’ago è stato prima ruotato in senso orario per suscitare il deqi, con sensazioni trasmesse lungo il bordo mediale della tibia verso la coscia. L’ago è stato quindi ruotato in senso antiorario, mentre si applica la pressione delle dita alla parte superiore del punto terapeutico con l’obiettivo di trasmettere le sensazioni dell’ago indietro verso le dita dei piedi.

I punti Ashi sono stati selezionati in base alle aree più dolorose su mani e piedi. Questi sono stati agugliati perpendicolarmente ad una profondità di 0,1-0,2 cun. Dopo l’arrivo di deqi, gli aghi sono stati manipolati con tecniche di sollevamento e spinta rapide a bassa ampiezza per due minuti per suscitare una forte sensazione di distensione. I punti supplementari, se utilizzati, sono stati stimolati utilizzando una tecnica uniforme con sollevamento rapido e bassa ampiezza e spinta per suscitare sensazioni dell’ago nell’area locale. Tutti gli aghi sono stati trattenuti per 30 minuti e i trattamenti sono stati somministrati ogni giorno per due settimane.

Vitamina B6 I
partecipanti assegnati al gruppo vitamina B6 sono stati trattati con 300 mg di vitamina B6 per via orale, assunti giornalmente per un totale di due settimane.

Esiti
misure di outcome comprendevano cambiamenti di CTC e KPS colonne sonore, e il QLQ-C30 (Quality of Life Questionnaire Core), un 30-item scala funzionale che copre le aree di PF (funzione fisica), RF (funzione di ruolo), CF (funzione cognitiva ), EF (funzione emozionale) e SF (funzione sociale). I pazienti i cui punteggi CTC sono stati declassati al grado 1 dopo il trattamento, con una scomparsa dei sintomi e un punteggio KPS ≥90 sono stati classificati come guariti. Per i pazienti i cui punteggi CTC sono stati declassati a ≥ grado 1, con un miglioramento dei sintomi e un punteggio KPS di 80-89, i trattamenti sono stati classificati come efficaci. Per i pazienti che non mostravano miglioramenti evidenti e avevano punteggi KPS <80, i trattamenti sono stati classificati come inefficaci.

I punteggi medi di KPS pre-trattamento erano 67,23 nel gruppo di agopuntura e 68,07 nel gruppo di vitamina B6. Dopo il trattamento, questi punteggi sono saliti rispettivamente a 84,23 e 77,84. Sebbene entrambi i gruppi mostrassero miglioramenti, i risultati positivi dei pazienti erano significativamente maggiori nel gruppo di agopuntura (p <0,05). Nel gruppo di agopuntura, c’erano 5 casi guariti, 16 efficaci e 9 inefficaci, con un tasso effettivo totale del 70,0%. Nel gruppo vitamina B6, c’erano 4 casi guariti, 7 efficaci e 19 inefficaci, con un tasso effettivo totale del 36,7%.

I punteggi medi pre-trattamento QLQ-C30 nel gruppo di agopuntura erano 40.72, 44.53, 34.35, 39.23 e 33.19 rispettivamente nelle aree di PF, RF, EF, CF e SF. Nel gruppo vitamina B6, i punteggi di pre-trattamento equivalenti erano 41,13, 40,87, 33,89, 40,75 e 32,07. Dopo il trattamento, questi punteggi sono scesi a 7,13, 18,77, 4,89, 6,32 e 10,16 nel gruppo di agopuntura e 16,72, 20,77, 11,76, 18,17 e 12,88 nel gruppo vitamina B6. Entrambi i gruppi hanno mostrato miglioramenti in tutte le aree, ma i risultati positivi erano maggiori nel gruppo di agopuntura, con miglioramenti di PF, EF e CF di significatività statistica (p <0.05).

Conclusioni:

I risultati di questo studio indicano che l’agopuntura è un trattamento efficace per la sindrome mano-piede, con la capacità di alleviare i sintomi e migliorare la qualità generale della vita. I risultati dimostrano che la cura del paziente che utilizza l’agopuntura come modalità di trattamento riscontra un significativo attenuarsi degli effetti collaterali associati alla chemioterapia.

Fonte:
https://www.healthcmi.com/Acupuncture-Continuing-Education-News/1947-acupuncture-reverses-chemotherapy-side-effects

Riferimenti: 
1. Li Fangfei, Chen Hong, Li Guosen (2018) “Sindrome della mano-piede indotta da chemioterapia nel cancro del retto trattato con l’agopuntura” World Journal of Acupuncture-Moxibustion Vol.28 pp. 151-155.

2. Dai, JH, YJ Shi, HB Yin e H. Du. “L’evoluzione dei nomi correlati della sindrome di Bi e la teoria dell’eziologia e della patogenesi”. Zhonghua yi shi za zhi (Pechino, Cina: 1980) 39, n. 4 (2009): 214-217.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

verifica *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.